ABOUT

PALERMO

STORIA /

Palermo è un comune italiano di 659 894 abitanti, capoluogo regione siciliana. La città vanta una storia plurimillenaria: fondata dai Fenici tra il VII e il VI secolo a.C., viene conquistata nel 254 a.C. dai Romani. Conquistata dai Vandali nel 429, passa nel 536 sotto Bisanzio e poi inesorabilmente conquistata dai Berberi nell'831. Successivamente, con l'avvento dei Normanni e il ritorno alla cristianità, fu la città di incoronazione per i numerosi sovrani di Sicilia, proprio a questa circostanza si devono i titoli attribuiti alla città: «Prima Sedes, Corona Regis et Regni Caput».

Da allora è rimasta, con alterne vicende, la capitale del Regno di Sicilia fino al 1816. Particolarmente importanti furono i Vespri siciliani, ribellione scoppiata a Palermo nel 1282.

Dal 1816 al 1817 fu capitale del neonato Regno delle Due Sicilie, derivato dalla fusione del Regno di Sicilia con il Regno di Napoli detto "Sicilia Citeriore". Successivamente divenne la seconda città per importanza dello stesso regno duo-siciliano, fino al 1861, anno dell'unità d'Italia.

Palermo fu la città che il 12 gennaio 1848 diede vita alla rivoluzione siciliana, prima fase della primavera dei popoli che ben presto si allargò in tutta Europa. Nel periodo di rivolte contro i Borbone, compreso tra il gennaio 1848 e maggio 1849, sotto la guida del palermitano Ruggero Settimo la città ricoprì per l'ultima volta il ruolo di capitale di uno stato siciliano.

La lunga storia della città e il succedersi di numerose civiltà e popoli le hanno regalato un notevole patrimonio artistico e architettonico. Il percorso Palermo arabo-normanna e le cattedrali di Cefalù e Monreale, sono state dichiarato Patrimonio dell'umanità dall'UNESCO nel 2015. Numerosi edifici, tra chiese e palazzi, sono riconosciuti monumenti nazionali italiani. Nominata Capitale Italiana dei Giovani 2017, è stata altresì capitale italiana della cultura per il 2018.

LUOGHI D'INTERESSE /

Il maggior numero di monumenti della città è dislocato all'interno del centro storico; altri sono distribuiti in tutto il territorio palermitano: ville storiche, torri d'avvistamento, tonnare, graffiti rupestri, antiche chiese o palazzi nobiliari.

Gli innumerevoli monumenti, dalla notevole valenza storico-artistica, "raccontano" i diversi periodi che hanno contraddistinto la storia della città.

Siti protetti dall'UNESCO

I mercati storici

Palermo conserva gran parte del suo aspetto mediterraneo nei vari mercati storici disseminati nella città: i più caratteristici sono la VucciriaBallarò e Il Capo.

La Vucciria si estende tra via Roma, la Cala e il Cassaro, all'interno del mandamento Castellammare. La vicinanza al porto cittadino stimolò l'insediamento di mercanti e commercianti genovesi, pisani, veneziani sin dal XII secolo. La presenza di numerosi artigiani si riscontra nella toponomastica.

Il termine Bucceria deriva dal francese boucherie, "macelleria". Il mercato era infatti inizialmente destinato al macello e alla vendita delle carni. Successivamente divenne un mercato per la vendita del pesce, della frutta e della verdura. Anticamente era chiamato "la Bucciria grande" per distinguerlo dai mercati minori.

Ballarò è il più antico tra i mercati di Palermo e si estende da piazza Casa Professa ai bastioni di corso Tukory, verso Porta Sant'Agata. È uno dei più pittoreschi mercati di grascia, cioè d'alimentari[61]. I prodotti venduti provengono dalle campagne del palermitano.

Il Capo si sviluppa nel cuore dell'omonimo quartiere: conserva elementi popolari del tipico mercato mediterraneo. Altri mercati storici a Palermo sono il mercato delle Pulci e quello dei Lattarini. Da citare c'è anche un mercato dell'usato allestito a Piazza Marina.

La Vucciria
Ballarò

Da non perdere

MONDELLO

CONTATTI

Head Office: Via Emilia, 38 - 90144 Palermo

Branch Office: Milano - Nuoro - Verona
Pbx 091.527416 - Fax 091.527062
E-mail: congressi@bibagroup.it

www.bibagroup.it